Escape Room… evadere dalla Torre nera

Bellinzona – La Torre nera di Castelgrande, da sempre foriera di ideali fiabeschi in cui rinchiudere il giovanotto plebeo dagli occhi verdi, invaghitosi della bella Principessa Maria, rinchiusa a sua volta nella torre bianca in attesa del matrimonio combinato da suo padre, Re Federico detto il Barbarossa, con il famelico e disumano Conte De Sacco…

Ci siamo forse lasciati prendere un po’ la mano, ma ora è possibile una bella esperienza in Escape Room per ritrovare sensazioni medievali estinte.

Una stanza chiusa e 60 minuti per uscire, con l’ingegno e persistenza. Questo provando a risolvere una serie di enigmi attraverso la storia. La stanza è stata creata in un ambiente suggestivo come la Torre Nera, una prima in Svizzera.

Il gioco adatto a gruppi di amici e famiglie è stato curato con l’obiettivo di inserire la storia all’interno di un contesto storico pertinente, al periodo storico degli Sforza di Milano (da non confondere con Ciriaco, reso famoso da Aldo, Giovanni e Giacomo in Tre uomini e una gamba). L’arredamento utilizzato per le scenografie e l’allestimento della stanza vantano utensili e oggetti che sono fedeli riproduzione del tempo; per la trama il team si è avvalso della consulenza di un docente di storia e della Commissione di supervisione dei castelli di Bellinzona.

La durata del progetto è di sei mesi. Sarà quindi possibile mettersi in gioco fino a giugno, da mercoledì a domenica, su prenotazione, consultando il calendario disponibile sul sito www.blockati.ch. I ragazzi del team sapranno dare tutte le informazioni necessarie all’arrivo e assisteranno i giocatori durante la sfida nel ruolo di Game master.

Pronti a tentare l’evasione… dalla Torre nera?

Foto Torre Nera